BOLOGNA – INTERNAZIONALE 0 – 3 (0 – 1)

Tra storie di sesso e passaporti falsi spunta a Bologna un’orgogliosa Inter !

Un bagliore di luce paradisiaca entra finalmente in quel calcio demoniaco che ci ha disgustato tra festini a luci rosse, passaporti ritenuti falsi, panchine che scottano, tecnici che prendono miliardi e si stressano (si stressa chi prende un milione e mezzo al mese echeggiava la curva Andrea Costa di Bologna) e soprattutto in quel calcio degli Ultrà che devastano qualsiasi cosa incontrano, urlano, insultano e si scagliano col sangue negli occhi contro le forze dell’ordine.

Ecco nell’inferno del calcio italiano Bologna è stato teatro di più miracol i:

  1. Tardelli non è più in pericolo
  2. l’Inter ha vinto 2 partite di fila
  3. I tifosi bolognesi cantano e duettano con gli interisti.
  4. Fine della partita Bologna – Inter 0 – 3 tutto lo stadio si alza in piedi ad applaudire l’avversario.

Incredibile ma vero la sportività e la voglia di divertirsi del pubblico bolognese è stata commovente, andare allo stadio e tifare una squadra che perde così seccamente e uscire con il sorriso tra le labbra dallo stadio con la consapevolezza che in fondo il calcio è un gioco … beh non può che far onore a tutta Bologna.

Il Bologna è stata sempre squadra ostica per l’Inter, ma ostica lo è stata per molti quando giocava in casa, solo 1 sconfitta fino a ieri in 8 partite, ma ieri l’Inter sembrava irresistibile anche se Tardelli ha dichiarato: “sono fiero dei miei ragazzi, ma non credo che questa di Bologna sia stata la migliore partita giocata dall’Inter, quella con la Juventus e quella contro il Milan sono state giocate alla grande …

Nel miglior momento dei rossoblu, l’Inter ha deciso di affondare la prima coltellata nel loro fianco, 25’ del primo tempo, erroraccio di Castellini, Vieri (ancora Lui) che non può sbagliare infila Pagliuca, il Bologna entra in panne, ma può recriminare per un fallo in area ai danni di Signori, lo stesso Frey nel dopo partita ammette: “Si, il fallo era da rigore e l’arbitro avrebbe anche potuto fischiare…” qui all’ombra delle due torri ci si aspetta la reazione veemente del Bologna, la rabbia, la forza invece il primo tempo si spegne su questo vantaggio forse immeritato.

 

 

Lascia un commento

*