Recensione di FIFA 19 per XBox360

Preliminari

Il campionato é ormai ricominciato, seppure con qualche lamentela da parte dei giocatori, ma il grande calcio italiano ha continuato il suo corso, cosa come il grande calcio su console, che come ogni anno vede la battaglia tra EA e Konami. Ultimamente PES é stato sfortunato e il campione in carica FIFA, non vuole adagiarsi sugli allori continuando la sua corsa non lasciando spazio ad eventuali quanto spiacevoli rimonte. A quanto pare anche quest’anno il prodotto Konami, dovré subire gol dal titolo EA Sports, seppur con qualche papera non indifferente. Diamo il via al campionato di calcio videoludico, con il campione in carica, FIFA 19 !


Palla al centro, si parte!

Electronic Arts ha puntato molto sulla simulazione in questo capitolo e le aggiunte piu importanti, sono il nuovo Frostbite e l’inedito sistema di difesa, dal nome Difesa Tattica. Entrambe le aggiunte, servono a rendere il gioco piu realistico e nel 90% dei casi ci riescono. Frostbite , ha il compito di gestire i contatti con i giocatori, i movimenti durante i contrasti e la fisica del pallone. In tutti i casi l’engine fa il suo lavoro egregiamente, seppur con qualche mancanza durante i contrasti piu insidiosi. Spesso capiteré di vedere il nostro giocatore che rimbalza di pancia a terra e poi si rimette in piedi come se fosse su un tappeto elastico. Questi problemi si erano notati anche nella demo e la speranza, era che gli sviluppatori li risolvessero prima del lancio del gioco, ma purtroppo cosa non é stato.

A parte questo problemino, Frostbite rende i rimbalzi del pallone e il suo comportamento in base al terreno in maniera del tutto reale riuscendo a gestire molto bene i rimpalli. Inoltre gli infortuni, saranno determinati direttamente dall’articolazione colpita durante un contrasto. Diamo il nostro addio a infortuni al braccio sinistro, quando il contrasto era sulle gambe. Anche le conseguenze sono reali. Non si guarisce una frattura con un mese, tanto meno poter continuare a giocare con uno stiramento al polpaccio. Grazie all’ Frostbite , credit FUT 19 ha acquisito il realismo nella fisica e negli impatti, seppure con qualche situazione da migliorare.

L’altro grande cambiamento nel gameplay, riguarda la difesa. Se prima bastava premere il tasto A (X su PlayStation 3), per effettuare un contrasto e rubare palla, ora il tasto A viene usato per il pressing ravvicinato, chiudendo l’avversario. Per il contrasto invece, viene premuto X (quadrato su PlayStation 3) e nel 90% dei casi, dovremo scegliere bene il tempismo e lo spazio per effettuare il contrasto, perché se falliamo perderemo terreno e tempo e cio, portera la perdita del giocatore marcato.

Anche in fase di attacco si notano delle migliorie e laddove il dribbling risultava una passeggiata in credits FIFA 18, in questo nuovo capitolo bisognera sempre piu spesso giocare di squadra, con passaggi di prima e contropiedi, in modo da mettere in difficoltu l’avversario, mai cosa intelligente e attento ai nostri sbagli. Difficilmente la CPU sbaglieré un passaggio, soprattutto nelle difficolta piu alte, quali Esperto e la spesso impossibile Campione o Leggenda. Insomma, per quanto riguarda il gameplay, gli sviluppatori hanno voluto giocare una carta pericolosa, quella della rivoluzione. Per la maggior parte di voi, abituarsi al nuovo sistema di Difesa Tattica e a sfruttare al massimo i contropiedi e il gioco di prima, non sara una impresa semplice, ma quando i risultati arriveranno, la soddisfazione di giocare un grande calcio, si faré sentire

Precedente commenti su FIFA 18 vs PES 18 Successivo Recensione di FIFA 19 - 2

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.